Caciocavallo di Ciminà

Con il nome “caciocavallo” si identifica una delle perle casearie del Sud Italia, un formaggio a pasta filata da latte vaccino.

Descrizione del prodotto

 Il particolare nome deriva dall’usanza di appendere a cavallo di una fune queste forme di formaggio per farle asciugare vicino alla stufa. Questo spiegherebbe anche la particolare forma del caciocavallo, con la “testa” intorno a cui si faceva passare il filo. Il caciocavallo si produce da secoli, con il latte dell’antica razza Podolica, considerata a ragione una delle prime razze bovine ad essere allevate. Anche la produzione conserva elementi arcaici.

processo produttivo

La lavorazione avviene con metodi tradizionali, quindi dopo la mungitura, il latte viene quagliato a temperatura di circa 40°, dopo rotta la cagliata si adagia la toma in un contenitore coperto con il siero stesso e si lascia lievitare. Si passa alla lavorazione manuale del caciocavallo in acqua calda oltre 80°. 

TABELLA VALORI NUTRIZIONALI (per 100 gr)

 

Calorie Grassi Di cui saturi Carboidrati Zuccheri Proteine Sale
337 20 12,6 2,1 2,1 37,1 2,3

 

Azienda Agricola Domenico Siciliano

La storia dell’azienda inizia tanto tempo fa, già i nonni dei miei genitori lavoravano il latte dei loro animali.  Inizialmente gli animali erano pochi e la produzione di formaggi non era molto vasta.

Pin It on Pinterest