La Sila scrigno di bellezza e tesori nascosti

Il Parco Nazionale della Sila si estende su territori di tre delle cinque province calabresi: Cosenza, Crotone e Catanzaro. La Sila è uno scrigno di tesori nascosti, un mistero che non si può descrivere né spiegare. Essa si svela lentamente allo sguardo e all’animo di chi ha l’entusiasmo di cercarla, di esplorarla, di viverla. Alberi giganteschi, laghi, fiumi, torrenti, boschi, pascoli, faggete, tutto questo è natura e meraviglia silana. Una biodiversità che si trasforma in un coro di versi e di voci, in una tavolozza di colori, in una gradazione di suoni e rumori che popolano il silenzio. La si distingueva in Sila Regia, il territorio di Cosenza con i novanta Casali e Sila Badiale, i possessi dell’Abbazia Florense di San Giovanni in Fiore. Divisa in Sila Grande a Nord, Sila Piccola a Sud e Sila Greca rappresenta una vera risorsa per la Calabria. Un territorio che consegna al visitatore una sospensione dalla frenesia della quotidianità, una parentesi di natura dall’invasione del cemento, un senso di libertà e benessere.

Daniela Rabia

   food Advisor 

Pin It on Pinterest