Cavatelli con Pomodoro Giallo, Nduja e Ricotta Salata
Categoria: Primi
If you want to share and earn points pleaseloginfirst

Piatto della tradizione contadina calabrese. Piatto povero dato che la pasta viene fatta con acqua e farina e con l’aggiunta di pochi ingredienti diventa un piatto gustoso e saporito.

Difficoltà:Medio
Porzioni: 4
Tempi:00:30

Ingredienti

  • Pomodorini Gialli-400 grammi
  • Ricotta Salata-80 grammi
  • Sale-q.b. grammi
  • Cipolla Bianca di Catrovillari-q.b. grammi
Preparazione
  • Step 1

  • Lavate e tagliate i pomodorini a pezzetti.

    In una pentola con dell’olio extra vergine di oliva fate appassire a fuoco lento la cipolla bianca aggiungete i pomodorini gialli e fate cuocere per circa 10/15 minuti.

  • Step 2

  • A cottura ultimata aggiustate di sale e frullate il tutto con un frullatore ad immersione fino ad ottenere una salsa liscia se è il caso passate il tutto con un colino. A parte cuocete i cavatelli in abbondante acqua salata, scolatela e versatela nella salsa di pomodoro e fate amalgamare.

    Prima di impiattare spalmate in un piatto un po’ di nduja ammorbidita, impiattate la pasta e coprite il tutto con abbondante ricotta salata.

Studenti
Video
Curiosità
Consigli

Lavorate la nduja con dell’olio e un frullatore ad immersione, per renderla più liscia…. come una crema.

Tecniche

Commenti

0 commenti

Invia un commento

Pierluigi Vacca

Fin da giovane Pierluigi Vacca si indirizza verso un percorso ristorativo, formandosi all’istituto alberghiero di Castrovillari e lavorando nel frattempo in strutture ricettive a Morano Calabro. Dopo una serie di esperienze fuori dalla sua terra d’origine

Chiusa a nord dagli imponenti rilievi del Pollino e dell’Orsomarso e circondata da due mari, la terra di Calabria ha un territorio prevalentemente montuoso, grandi riserve verdi, e laghi incontaminati

Scopri tutti i territori

Condividi con la community la tua passione per l’arte culinaria raccontando storie attraverso recensioni su territori e prodotti…esprimi il tuo amore per l’enogastronomia attraverso la scrittura.

Pin It on Pinterest

Loading..